• Home
  • Blog
  • Sistema INFOIL: estensione nei depositi fiscali di stoccaggio

Sistema INFOIL: estensione nei depositi fiscali di stoccaggio

San Marco Petroli Infoil
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su print

Con determinazione direttoriale Prot. 266728/RU del 31 luglio 2020, l’Agenzia delle Dogane dispone che gli esercenti depositi fiscali di stoccaggio di prodotti energetici di capacità complessiva non inferiore a 3.000 metri cubi devono dotare tutti i serbatoi destinati alla detenzione ed alla movimentazione di benzina o di gasolio usato come carburante di telemisure di livello e di temperatura, gestite da un sistema informatizzato di controllo installato nel deposito stesso. Il sistema informatizzato di controllo è conforme alle specifiche dell’articolo 2 della direttoriale INFOIL e consente la consultazione autonoma e diretta dei dati di interesse fiscale da parte del personale dell’Ufficio delle dogane territorialmente competente tramite apposite postazioni di accesso presso il deposito, rispondenti alle caratteristiche ed alle funzionalità di cui ai paragrafi 1.1 e 1.2 della circolare 14/D del 10 agosto 2010.

Il sistema INFOIL di deposito dovrà garantire la possibilità di consultazione a posteriori dei dati quantitativi di misura utilizzati dal depositario per l’emissione degli e-DAS e degli e-AD, per la definizione delle contabilità aziendali, per gli invii telematici dei dati nonché per la liquidazione dell’imposta. Lo ha chiarito l’Agenzia delle Dogane con la circolare n. 6/D del 10 febbraio 2021, inerente l’assetto impiantistico dei depositi operanti in INFOIL e le istruzioni operative per la definizione dei piani di adeguamento.

ti potrebbe interessare anche

L’obbligo del DAS elettronico (Documento di Accompagnamento Semplificato) è entrato in vigore dall’1 ottobre 2020. I soggetti cosiddetti “interconnessi”, ossia coloro che sono interessati
Precedente
Successivo